Da cento e passa

Da cento e passa

Tenni un  fiammifero
Per illuminarti il volto,
E mi bruciĆ² il braccio,
E mi bruciĆ² il viso.
Rapii un satellite,
Una fata,
Un’onda del mare
E te li liberai nel cuore,
Ma furon perduti:
Mai sazi e mai stanchi.
E per calpestarti 
L’ombra,
Svanirono i piedi,
Volarono le gambe,
Par farmi strisciare,
Per farmi carezza.
E carezza ancora,
Di labbra e di seme,
In cerca di spigoli,
Resto,
Sulla tua pelle liscia
Da cento e passa baci. 

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.