Attraversata

Attraversata

Lingua tra le gambe, ti ho sbirciato il cuore
A lungo e nella pace
Stremata del fortunale.
I tronchi graffiati da mattoni
Avevano sorrisi obliqui.
Il fango aveva disegnato mappe e volti
Sulle corolle e sulle vele.
PiĆ¹ a fondo, allungando il collo,
Un palpitare muoveva le pozzanghere
Sature di girini, sazi d’arcobaleno.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.